sofiafresia

14/04/2021 Singulart represented artist

permalink » url

download__1_.pngal_lavoro.jpgstudio_1.jpg

Con mio grande piacere sono stata invitata ad entrare a far parte della piattaforma di vendita online Singulart in quanto artista rappresentato. Singulart è la prima galleria online per numero di vendite e network di collezionisti in Europa. Per visitare il mio profilo clicca QUI

12/03/2021 Artist spotlight

permalink » url

_MGL1353_copy.jpgpool_3_wip.jpgSOCIAL_DISTANCING_VERTICALE.jpgLa_sindrome_del_pesce_rosso_per_sito.jpgSofia_3.jpg

Sono felice di essere stata selezionata per la rubrica "artist spotlight" curata dalla piattaforma di vendita d'arte online Artsted, una realtà nuova e ancora in fase di rodaggio ma promettente. Ecco il testo completo dell'intervista (eng).

Hi Sofia! So nice meeting you. Could you tell a few things about yourself?
My name is Sofia Fresia and I am an Italian figurative artist, specialized in oil painting to be specific. I am 28 years old, and I currently work and live in Turin, in the northwest of Italy.

When did you start your journey as an artist?
I approached art for the first time thanks to a visit to the exhibition “The Impressionists and the snow” (2005), from which I gained interest in figurative and landscape painting. I did not have the opportunity — or rather, “the permission” — to attend artistic studies, so I continued as an autodidact until painting proved to be crucial in facing a long hospital stay. Painting helped me to find interest in life and to free myself from my ghosts in a sort of rebirth. After graduating in nursing (2014) I decided to enrol in the Albertina Art Academy in Turin. The first artworks were highly figurative and connected to the aspects that I felt most related to my rebirth, such as hiking and swimming. At the beginning I used painting to talk about myself to myself, as if to say “I am here and I have become this person”. Later I started using painting to talk about myself to the others and this was a revolution for me because I realized that communication through paintings was more incisive than through words, and allowed me to face problems that I would never have dared to talk about. From there to using art to talk about issues that were important to me but also potentially felt by many other people, the step was short. When people began to recognize themselves in some of my paintings, I realized that my work maybe could be defined as real art, and I’ve started to think of myself as an artist.


What is your primary source of inspiration?
My best creative ideas come to me while doing something else, like walking or running. At first I don’t usually think of a complete composition, but of a message or situation that I would like to share or about which I would like to express my opinion. In the following days or weeks I collect visual insights useful for my speech, until I create a fairly precise sketch of what the final result will be. I don’t have a real painting studio yet, so I paint wherever I manage to place my easels: one of my first plans for the future is to get my own space. I really like painting and listening to an audiobook.


How would you define yourself as an artist?
I think of myself as a figurative oil painter who loves mixing old painting techniques and contemporary themes, and sharing my practice thanks to workshops open to the public. My works are mostly medium or large size oil paintings characterised by a visual language that originates from Surrealism. There are constant references to the water and the swimmers’ world that recall both the concept of social fluidity and my personal experience as a surf lifesaving athlete. I am interested in bringing out the imaginative, dreamlike and unconscious component of today’s people, annihilated by a hectic lifestyle: more than on the analysis of the social dynamics itself, my research focuses on the reactions of the individual, his/her feelings and his/her reasons. Some artworks are conceived as a means to take note of a difficulty and rework it, while others focus on problems that are common to the contemporary youth universe.
Paintings are supposed to suggest an interpretation that can be helpful or at least comforting: recognizing that you are not alone in facing certain difficulties is a good step to get closer to other people and to keep hope safe even in these uncertain times. I’m proud of my main painting series ‘Pools’, which I started in 2017, and now I am working on a large triptych inspired by the reading of G. Orwell’s 1984 novel that will be included in the series. The project will consist of three canvases 120x180 cm each, and I hope it will become one of my favourite works.


After you have decided to undertake this path, how did your work transform the way you interact with the world?
My work helped me to have greater awareness of myself, of my tastes and beliefs, as well as to have a privileged mode of communication in addition to the usual ones. They also proved to be a valuable tool for analysing the surrounding reality and making some order in my thoughts. Sometimes it’s difficult to create a good communication with the public, but my personal experience has usually been very positive because people seem to like and understand my work. The biggest difficulties concern being noticed and accepted by the official art world: at the moment I have not found yet a way to make my voice heard, and I feel a bit lost in the multitude of people who would like to be recognized as an artist.

Let’s talk about 2020, it was such an unusual and intense experience for all of us. What did it mean to you, how was your creative practice different during the pandemic?
Here in Italy we had a three months general lockdown from March to May 2020. The situation had a double effect. Looking on the bright side I had a lot of time to paint, much more than ever: all my daily life was built around the studio practice. I realized many paintings, even if I decided to keep the original medium-large size, and all of them were strictly related to the pandemic but thanks to a surreal filter: they helped me a lot to face my fears and to exorcise the situation, making sure that I didn’t let myself go to despair. I had lots of free time to study colours and painting theory, but also to try new art techniques and painting supports.
The negative side has certainly been the lack of contact and comparison with other artists, which I believe is essential to carry out a good art practice. Most of the main ideas that underlie my paintings are related to some aspects of contemporary society, so I’m sure that the changes due to the pandemic will also affect my art, although I don’t know exactly how yet.


Give us a bit of a glimpse into your future projects: what should we be expecting?
In April after graduating I will take part in a two months artist residency in northern Iceland, working on a project focused on cyanotype and painting.

08/03/2021 Progetto di tesi "Surrealtà. Il presente inaspettato"

permalink » url

Surrealta_Pagina_01.jpgNo_borders.jpgExpectations.jpg_out_of__sanitary_cage.jpg

Lunedi 8 marzo 2021 è stato discusso il mio progetto di tesi del biennio in Pittura presso l'Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino. L'elaborato, dal titolo "Surrealtà. Il presente inaspettato", e i tre dipinti facenti parte del progetto stesso sono stati presentati dal vivo, grazie ad una fortunata finestra legislativa che ha consentito lo svolgersi delle tesi anche in modalità fisica. E' stato strano presentare un progetto incentrato sui cambiamenti sociali dovuti alla pandemia mentre questa è ancora in atto, come sentirsi inglobati nostro malgrado in una creazione che ha preso vita fagocitandoci. Le tre tele che compongono il progetto sono state tutte realizzate nei mesi del primo lockdown primaverile, e cercano di calarsi nella realtà di quel contesto attraverso il filtro del Surrealismo. La commissione era composta dai professori Giuseppe Leonardi (pittura), Salvatore Giamblanco (pittura) e Fernanda Tartaglino (anatomia artistica). In allegato la versione digitale dell'elaborato di tesi.

more
Surrealt_._Il_presente_inaspettato.pdf (24.75 MB)

26/02/2021 Residenza artistica a Masseria Cultura

permalink » url

trulli.jpgIMG_6450.jpgIMG_6332.jpgIMG_6453.jpg0EA07F53_E6FF_4ED2_9687_9354A577D070.JPGmasseria.jpgIMG_6311.jpgDSC06255.JPG54F5CF77_086F_4E5D_81FF_7BD5BB2689FD.JPGIMG_6416.jpg

Si stanno per concludere le due settimane che ho trascorso in residenza a Masseria Cultura, realtà artistica indipendente ideata e portata avanti da Jacques Leo (artista) e Fabrizia Franca nelle campagne della Murgia pugliese. Ogni anno la Masseria ospita un numero variabile di artisti, italiani e stranieri, selezionati tramite bando: gli spazi di lavoro sono condivisi e la natura del luogo si pone come spunto per lavori basati sul riuso degli elementi naturali (pietra, legno, terra, paglia...). Durante la mia permanenza ho portato avanti un progetto basato sul riutilizzo di materiali di scarto, che si è concretizzato in una serie di opere di diverso genere - dai dipinti su legno e vecchie piastrelle, a piccoli oggetti raffiguranti ambienti in miniatura. In chiusura sarà realizzata una Lab Experience nel corso della quale condividerò la mia pratica artistica, guidando i partecipanti alla realizzazione di un dipinto di piccolo formato. Masseria Cultura è stata la mia prima esperienza di residenza artistica: due settimane immersa nella natura di una primavera anticipata, in un clima umano in grado di risvegliare l'estro creativo sopito da mesi di routine cittadina. Ringrazio con tutto il cuore gli organizzatori per aver dato fiducia al mio lavoro e per avermi fatta sentire parte della famiglia, è stata un'esperienza che spero segni l'inizio di un nuovo percorso lungo le vie dell'arte.

05/02/2021 Progetto artistico per la Iglesia de los Angeles

permalink » url

Iglesia_2_1_scaled.jpgblack_angel.jpg


Sono 500 gli artisti che in questa seconda tornata sono stati invitati da Daniele Crippa, critico d’arte e presidente del Museo del Parco di Portofino, a realizzare una personale interpretazione sul tema dell'Angelo - figura che da secoli popola l'arte figurativa di tradizione occidentale. Le opere, tutte realizzate su formato 25x25 cm e in tecnica libera, saranno raccolte in una grande mostra collettiva che si terrà in primavera alla Reggia di Monza: mentre l'opera 'fisica' resterà in Italia, le immagini dei lavori saranno inviate in Argentina dove verranno riprodotte a mano su altrettante piastrelle in ceramica da parte dei ragazzi della scuola d’arte locale, che da questo impiego potranno anche trarre sostegno economico. Le piastrelle così ultimate saranno applicate sulle pareti interne della Iglesias de los Angeles nell’estancia argentina El Milagro, andando a costituire un mosaico di angeli provenienti da ogni parte del mondo. Hanno aderito a questa iniziativa tra i primi 500 artisti anche figure di spicco quali Gillo Dorfles e Mimmo Paladino.

Per saperne di più sul progetto clicca QUI

12/01/2021 Collettiva "La Frana"

permalink » url

114842252__1_.jpg_f_detail_558_h_720_w_1280__p_f_h_w_12834ffLa_chute.jpg

La Stazione dell'Arte è un museo nato nel 2006 intorno alla figura dell'artista sarda Maria Lai. Lo scorso autunno era stata indetta un'open call per artisti sul tema della frana, che ha portato in questi giorni all'allestimento di una mostra virtuale visitabile sul loro sito web. Si tratta di una collettiva con oltre 50 partecipanti che si sono confrontati sul tema attraverso opere pittoriche, fotografiche, scultoree e testuali; tra di esse è presente anche il dipinto La chute (2020) che esterna la mia personale visione di frana intesa come caduta di valori e certezze.

Per visitare la mostra clicca
QUI

21/12/2020 Il mondo che vorrei

permalink » url

Il_mondo_che_vorrei_mostra_collettiva_exfabbricadellebambole_2020.jpg

Dopo un paio di settimane di incertezza legate alle restrizioni che continuano a colpire le attività culturali, l'associazione culturale Ex Fabbrica delle Bambole ha deciso di spostare temporaneamente online la mostra collettiva Il mondo che vorrei, che sarà perciò visitabile sulla piattaforma Artsted.com fino a tutto il mese di gennaio 2021. Il bando, che si è chiuso lo scorso 30 novembre, prevedeva la selezione di venti artisti da inserire in un evento espositivo incentrato sul quesito Che mondo vorremmo dopo la pandemia?, evento che si sarebbe tenuto presso la sede di Ex Fabbrica delle Bambole in via Giuseppe E. Arimondi a Milano. L'inaugurazione della mostra fisica presso la house gallery di Ex Fabbrica delle Bambole avrebbe dovuto tenersi domenica 13 dicembre; al momento l'evento procede online ma è intenzione degli organizzatori realizzare una mostra dal vivo non appena sarà possibile.

Per visitare la mostra clicca QUI

more
CS_Il_mondo_che_vorrei_exfabbricadellebambole_2020.pdf (338.6 KB)

18/12/2020 Malamegi Lab.17 Art Prize

permalink » url

19.tif_bassa.jpg_pe_company_.companypicture.11396.wiin_contest.com.jpg

Ho il piacere di annunciare che la mia opera Aspirazioni (2020) è stata selezionata tra i finalisti del Malamegi Lab. 17 Art Prize. Se le disposizioni ministeriali per la tutela della salute pubblica lo consentiranno, nel mese di febbraio 2020 sarà inaugurata la mostra delle 12 opere finaliste presso la Hernandez Art Gallery in via Copernico 8 a Milano.

ARTISTI FINALISTI

more
LAB17_catalogue.pdf (40.39 MB)

26/11/2020 Reviviscenti Art

permalink » url

Tesori_in_corso_2020.11.03_173711__R8Q9990.JPGCartolina_def.jpg

E' stato pubblicato l'articolo di Carlo Mariano Sartoris sulla mostra Reviviscenti Art, curata da Elena Radovix presso l'aula di scultura dell'Accademia Albertina di Torino e alla quale partecipo con due opere pittoriche. La mostra, inaugurata il 5 novembre, è stata chiusa la sera dello stesso giorno a causa delle nuove disposizioni ministeriali anticovid entrate in vigore alla mezzanotte del 6 novembre. In questo periodo di forzata chiusura viene presentata attraverso fotografie e video sulla pagina facebook e instagram dell'evento stesso. L'articolo, uscito su Civico20 News, è occasione anche di riflessione sul ruolo che viene riservato alla cultura in questo periodo di pandemia.

Per leggere l'articolo nella sua interezza CLICCA QUI


more
COMUNICATO_STAMPA.docx (26.44 KB)

24/10/2020 Arteam Cup 2020 alla Fondazione Dino Zoli

permalink » url

IMG_4475.jpgIMG_4483.jpgD6DC4F1D_3DB2_4B5D_B1FE_163D4557B8AF.JPG

E' stata inaugurata sabato 24 ottobre 2020 alle ore 18 la mostra dei 60 finalisti selezionati dall'Arteam Cup 2020, organizzata dall'associazione culturale Arteam di Albissola Marina in collaborazione con la rivista Espoarte. Il Premio, giunto alla sua sesta edizione, è suddiviso nelle tre sezioni di pittura, fotografia e scultura. L'esposizione, curata da Matteo Galbiati, Livia Savorelli e Nadia Stefanel, sarà visitabile presso la Fondazione Dino Zoli, Viale Bologna 288, Forlì (FC) fino al 5 dicembre 2020, data in cui verranno annuciati i vincitori dei premi in palio.

more
Comunicato_stampa.pdf (281.99 KB)

search
pages
Link
https://www.sofiafresia.it/news-d

Share link on
CLOSE
loading